La Consob sui rischi di CFD, rolling spot forex ed Opzioni Binarie

In una comunicazione del 7 febbraio scorso, la Consob interviene per sottolineare che CFD, rolling spot forex ed opzioni binarie “non sono adatte alla maggior parte degli investitori.”

Lo fa in maniera molto chiara, spiegando cosa sono e come funzionano questi strumenti finanziari che definisce ” nuove forme di investimento finanziario altamente speculative, rischiose e complesse“.

Si sofferma poi sulle caratteristiche, già in questo Blog sottolineate più volte, delle opzioni binarie che sono assimilabili più a scommesse che investimenti, dato il brevissimo tempo di durata.

Finalmente si parla anche di come vengono pubblicizzati questi strumenti, molte volte con “comunicazioni pubblicitarie diffuse e forvianti, chiamate telefoniche ripetute e insistenti, invio massivo e non richiesto di e-mail, offerta di bonus iniziali o ricorrenti” e spiega che i poteri di Consob sono limitati ed in caso di problemi il risparmiatore non può neanche rivolgersi al nuovo Arbitro per le Controversie Finanziarie da poco istituito proprio presso Consob.

Vi lascio alla lettura del comunicato originale, molto dettagliato.

[amazon_link asins=’8825302231′ template=’ProductAd’ store=’deltadelpocom-21′ marketplace=’IT’ link_id=’79d0d787-f85f-11e6-846e-cb82c4186cd7′]

“Comunicazione Consob a tutela dei risparmiatori sui rischi legati a investimenti in CFD e opzioni binarie

Nel corso degli ultimi anni, si registra nei vari Paesi dell’Unione Europea, tra cui l’Italia, una crescente diffusione di nuove forme di investimento finanziario altamente speculative, rischiose e complesse, quali i contract for difference (CFD), rolling spot forex ed opzioni binarie.

I CFD sono contratti tra un intermediario ed un investitore con i quali ciascuna parte si impegna a pagare all’altra la differenza tra il valore attuale di un determinato bene (azioni, valute, merci, indici finanziari, ecc.) e il valore che lo stesso bene avrà in futuro. Una volta aperta una posizione in CFD, l’investitore in qualsiasi momento può chiuderla versando o incassando il differenziale.

I CFD sono prodotti c.d. a leva finanziaria, nel senso che gli investitori possono, tramite questi prodotti, assumere una posizione sul bene sottostante, versando soltanto una minima parte (detto “margine iniziale” o “deposito iniziale”) del valore complessivo della posizione assunta. In quanto prodotti a leva, agli investitori può essere richiesto il versamento di ulteriori somme ad integrazione di quelle depositate inizialmente per effetto dell’andamento del bene sottostante (c.d. “margini aggiuntivi”) e, inoltre, il risultato dell’operazione (perdita o guadagno) può essere ben superioreall’importo versato come margine iniziale (c.d. “effetto leva”).

Particolarmente diffusi sono i CFD aventi come bene sottostante le valute scambiate nell’ambito del c.d. “Forex”. Quest’ultimo non è un mercato regolamentato e con prezzi ufficiali, bensì un mercato non regolamentato in cui gli operatori di tutto il mondo negoziano direttamente fra loro (effettuando in questo modo negoziazioni “Over the Counter” – OTC).

Prodotti simili ai CFD sono i rolling spot forex, la cui caratteristica principale – oltre a quella di avere ad oggetto esclusivamente valute – consiste nel fatto che l’investitore può mantenere aperta la propria posizione grazie ad un meccanismo, chiamato roll-over, mediante il quale le operazioni chiuse al termine della giornata vengono automaticamente riaperte nella giornata successiva.

Anche i rolling spot forex sono prodotti con “effetto leva”.

Le opzioni binarie sono invece contratti che assicurano il pagamento di un importo predeterminato se l’evento (per esempio, raggiungimento di un determinato livello del prezzo di un’azione o del rapporto di cambio fra due valute) si verifica entro una predeterminata scadenza temporale. Se l’evento non si verifica si perde tutta la somma investita.

Le opzioni binarie presentano una struttura (e quindi rischi) simili a quella di una scommessa. Spesso si caratterizzano per la brevissima durata – ad esempio un’ora o, addirittura, un minuto – accentuando così all’estremo il carattere di scommessa, in quanto è particolarmente difficile, se non impossibile, fare previsioni con un minimo di fondamento in un così breve periodo di tempo.

Al di là delle specificità operative, la caratteristica comune dei CFD, rolling spot forex ed opzioni binarie è quella di avere strutture e modalità di funzionamento tali per cui agli stessi sono associati una serie di rilevanti rischi difficilmente comprensibili e valutabili. Per tale ragione, le forme di investimento in parola non sono adatte alla maggior parte degli investitori.

Ciò è ancora più vero se si considera che gli stessi prodotti vengono distribuiti molto spesso facendo ricorso a pratiche commerciali che(attraverso, per esempio, comunicazioni pubblicitarie diffuse e fuorvianti, chiamate telefoniche ripetute e insistenti, invio massivo e non richiesto di e-mail, offerta di bonus iniziali o ricorrenti) possono condizionare le scelte economiche dei risparmiatori anche in quanto amplificano le potenzialità della commercializzazione di beni e servizi attraverso la rete elettronica (con il canale elettronico, bastano pochi click e pochi secondi per effettuare un investimento).

In tali condizioni i risparmiatori finiscono, quasi sempre, per avviare l’operatività nei prodotti in parola senza una reale e preventiva comprensione e valutazione dell’effettiva portata dei rischi ad essi connessi e per perdere tutto o gran parte di quanto hanno investito.

I soggetti autorizzati offerenti i prodotti in parola sono per lo più imprese di investimento o banche comunitarie che operano in Italia in libera prestazione di servizi (cioè direttamente dal Paese in cui hanno la sede legale e sulla base dell’autorizzazione concessa dall’Autorità di vigilanza del loro Paese di origine), ovvero comunitarie o extracomunitarie che operano attraverso una sede secondaria stabilita sul territorio nazionale (succursale).

In base alla normativa comunitaria vigente, la Consob dispone nei confronti dei predetti intermediari comunitari di limitati poteri diretti di vigilanza e/o di intervento.

In particolare, sulle banche e imprese d’investimento comunitarie o extracomunitarie con succursale in Italia, la Consob è competente a vigilare soltanto sul rispetto delle regole di comportamento da parte della succursale nello svolgimento dell’attività nei confronti dei clienti italiani.

Le banche e imprese d’investimento comunitarie che invece operano in Italia in libera prestazione di servizi rimangono direttamente vigilate dalla sola Autorità del Paese di origine, anche per i comportamenti non corretti posti in essere nei confronti della clientela italiana.

Inoltre, l’investitore dovrà considerare che le controversie in materia di CFD, rolling spot forex e opzioni binarie tra clientela italiana e imprese di investimento comunitarie senza succursale in Italia non potranno essere portate davanti al nuovo Arbitro per le Controversie Finanziarie, istituito recentemente presso la Consob.

Peraltro in Italia si registra la presenza in questo settore di numerosi soggetti abusivi, cioè di soggetti sprovvisti di autorizzazione ad operare nel nostro Paese che offrono tali contratti tramite internet e che non sono sottoposti a vigilanza amministrativa da parte di alcuna Autorità.

Riassumendo:

– l’investimento in CFD, rolling spot forex e opzioni binarie, non è adatto alla maggior parte degli investitori;

– tale forma di investimento può comportare perdite anche ben superiori al capitale inizialmente investito;

– occorre procedere ad avviare l’operatività soltanto dopo aver effettivamente compreso e valutato tutti i rischi connessi all’investimento in parola;

– è necessario accertarsi sempre che il soggetto offerente sia autorizzato ad operare in Italia, consultando gli appositi elenchi tenuti a cura della Consob (per quanto riguarda le imprese di investimento) e della Banca d’Italia (per quanto riguarda le banche), reperibili sui rispettivi siti istituzionali. A tal fine è opportuno consultare altresì la sezione “Avvisi ai risparmiatori” presente sul sito istituzionale Consob, contenente le segnalazioni, provenienti da autorità di vigilanza estere, oltre che dalla stessa Consob, di attività di tipo finanziario svolte abusivamente e dei soggetti cui fanno capo.”

 

Fonte: Consob

Se conosco Trading30elode ?

Trading30elode ?

L’articolo è volutamente ricco di immagini e video perché aiutano l’utente a comprendere meglio di cosa si sta parlando. Si parla di soldi. I vostri soldi. Si parla di “strane” idee per “far soldi” in fretta: con un click! Si parla di soldi che si perdono con la stessa facilità. Si parla di strane coincidenze.

Da anni cerco di mettere la gente alla larga dalle fregature cose strane … in ambito di investimenti, ma questa è veramente fatta bene.

Tutto parte da una domanda di un lettore del Blog: “Conosce trading30elode?”

E iniziano le mie ricerche.

Se googliamo “trading30elode” troviamo una serie di siti di opinioni o di affiliati che lodano questo sistema.

TRADING30ELODE

Ma quello che attira maggiormente è il video su Youtube:

In questo video, un certo Giovanni Croce,  AD e cofondatore di Trading30elode (segnatevi il nome perché poi ci ritorneremo), giovane Millennial neolaureato, con un passato da trader scontento, ci spiega in poche parole di cosa si tratta Trading30elode. E’ in sostanza un algoritmo che permette di “trovare” le migliori opportunità di investimento tramite opzioni binarie. La sua “collega” Maria Devita, presidente di trading30elode, racconta come con i suoi compagni di università, abbiano creato questa cosa miracolosa. L’altro amico, e mente tecnologica del progetto risulta essere un certo Vincenzo Giletti che compare solo ma non parla.

Un video ben fatto, quasi troppo ben fatto…..

TRADING30ELODE

Video su Youtube: https://www.youtube.com/watch?v=zaNkhxettgE

Con qualche ricerca, troviamo un altro video fantastico.

Questo supera l’altro in fantasia e creatività.

In sostanza in un fantomatico studio televisivo, il “famoso” conduttore Carlo Milani, nella “famosa” trasmissione “Startup24ore” (in onda alle ore 19.00…) intervista Maria e Vincenzo in occasione della premiazione del “famoso” Show “ Innovazione dell’anno 2015”. Incredibile ma il loro algoritmo vince il primo premio.

Ecco il video su youtube: https://www.youtube.com/watch?v=ziINkH_xj6c

 

Durante la “trasmissione”  (secondo quanto riportato nella descrizione del video)

“Maria ha svolto una dimostrazione dal vivo utilizzando un account Trading30elode aperto con il produttore Esecutivo della trasmissione,  Elisa.

trading30elode
Elisa

 

Maria ha dimostrato con successo l’algoritmo del vincente Trading30elode.

Elisa ha prima aperto il conto con un investimento di soli 250 € alla fine della scorsa settimana ma aveva già avuto un ritorno tre volte maggiore del suo capitale iniziale, un totale di 1.070€ in quel momento.

Quindi Maria, usando lo stesso account Trading30elode, ha mostrato all’Italia come guadagnare di più di 120 euro con quattro trade in soli 60 secondi”.

Ma ora arriva il bello. Rimaniamo abbastanza di stucco quando in rete troviamo che altre persone hanno inventato lo stesso magico algoritmo, che, a seconda del mercato dove viene proposto, cambia nome commerciale (quindi non una affiliazione, ma proprio una cosa nuova…..) .

Ma il bello è che troviamo anche persone diverse, che parlano una lingua diversa.

Ma se poi andiamo a verificare da vicino, troviamo un video praticamente identico del CEO e un video praticamente identico di una trasmissione dove gli inventori, vengono premiati per la innovazione…

 

ULTIMATE4TRADING

Video su Youtube: https://www.youtube.com/watch?v=WFOQFzX_X38

 

Da notare che qui il nome del CEO e Co-fondatore è John Cross mentre il nostro italiano vi ricordo si chiama Giovanni Croce

Anche qui un “famoso” conduttore, con una trasmissione famosa e con un premio assegnato per l’algoritmo…

Video su Youtube: https://www.youtube.com/watch?v=luwqqjP0mBM

 

e stranamente … qui, l’executive producer si chiama Lisa (che assomiglia molto a Elisa e la regia mi sembra la stessa di prima… Mah).

lisa
Lisa

 

E anche qui Lisa mette a disposizione il suo conto per far vedere come vengono guadagnati soldi, facilmente e con una accuratezza del 70/75%…

Ma poi, cercando ancora, troviamo che in lingua Francese, altri ragazzi, sempre universitari, hanno creato un loro algoritmo miracoloso che vogliono regalare alla gente comune per condividere con loro questa manna.

 

PREDITREND

Video su Youtube: https://www.youtube.com/watch?v=Uf9484fpJ9g

 

E anche loro, stranamente, hanno partecipato al famoso programma Startup F5, con un’altro conosciutissimo conduttore, aggiudicandosi il primo premio al concorso Miglior Startup 2015 sempre per il loro algoritmo miracoloso che qui si chiama Preditrend.

Video su youtube: https://www.youtube.com/watch?v=z0Gq_h624uM

 

 

Ah dimenticavo, il produttore esecutivo qui si chiama Vanessa….

vanessa

 

Ora provate a cliccare qui (http://www.SwigView.com/VIu7T45)  e potrete vedere i 3 video in contemporanea.

trading30elode
Trading30elode, Ultimate4trading, Preditrend

 

Schiacciate PLAY ALL e godetevi lo spettacolo. Una esperienza unica….

Dopo di questo,  mi fermo qui. Lascio a voi ogni considerazione, ma tenendo conto che:

  • Il sito italiano di Trading30elode.com non si apre
  • Si apre il sito Trading30elodepro.com ma è la fotocopia di almeno altri 4 o 5 siti…
  • Esistono altri 2 siti spalla identici:  trading30elode-truffa.com e trading30elode-recensioni.com più relative copie in abbondanza
  • Guardando il whois dei siti su : http://bgp.he.net/dns/trading30elode.com#_whois  e http://bgp.he.net/dns/trading30elode-opinioni.com#_whois  i registrar sono gli stessi mentre http://bgp.he.net/dns/trading30elode-truffa.com#_whois è su Panama. 
  • Il sito http://www.prestigebinaryoptions.com/ultimate4trading-scam-review/  definisce truffa ultimate4trading,  spiegandone le ragioni passo passo;
  • Le pagine Facebook e i siti delle presunte trasmissioni (http://www.start-up365.com/ , http://www.startupf5.com/,  http://www.startup24ore.com/ l’unica che non funziona), parlano da sole. Basta guardare i team delle trasmissioni (Al di la’ che le facce siano le stesse, guardate i nomi sopra e sotto):
teamstartupf5
StartuUPF5 che ha premiato PREDITREND
teamstartup365
Startup365 che ha premiato l’algoritmo Ultimate4trading

 

A questo punto non entro nel merito di chi siano, nella realtà, quelle persone raffigurate nei video (attori professionisti? Chissà).

Il fatto è che se provi a cercarle in internet con quei nomi, pare non esistano…

Non entro nel merito delle Opzioni Binarie, non entro nel merito del trading automatico e non entro nel merito dei rischi connessi a mettere i soldi con questo tipo di “cose”.

Ognuno faccia le sue riflessioni.

Questa è la risposta al quesito del lettore. Con dati alla mano (in questo caso video e siti internet che tutti possono vedere), ognuno può trarre le proprie conclusioni.

Resto a disposizione per chi volesse cimentarsi in cose … più semplici… tipo il mio decalogo del risparmio automatico (clicca qui).

 

 

La tobin-tax sui derivati, slitta al 1 settembre

Doveva partire oggi 1 luglio.

Ma il “decreto-del-fare” , emanato Sabato 15 giugno, ha deciso di rimandare perché le entrate previste sono praticamente una briciola di quanto si era preventivato inizialmente…

A chi interessa e chi colpisce?

Parliamo della tassa sulle transazioni riguardanti compra-vendita di derivati su azioni italiane come: Stock Future su azioni italiane, opzioni su Azioni iso-alfa,  CFD su azioni italiane, opzioni binarie su azioni italiane, Certificates su Azioni Italiane, covered warrant su azioni italiane e derivati su indici azionari italiani  come: covered warrant su indice azionario italiano, CFD su Future FTSE Mib, CFD su Mini Future FTSE Mib,  opzione binaria su indice azionario italiano, certificato (certificates) su indice azionario italiano, Future su FTSE Mib, Mini Future su FTSE Mib, Opzione MibO su FTSE Mib.

Lo slittamento riguarda anche l’imposta sulle transazioni ad alta frequenza (high frequency trading, HFT).

E’ stata fatta slittare anche dal 16 luglio al 16 ottobre la prima rata di pagamento che gli intermediari (sostituti di imposta) devono liquidare all’erario relativamente alla Tobin-tax sulle transazioni relative a compravendita di azioni di società italiane quotate con capitalizzazione maggiore di 500 milioni di euro. Ne avevamo già parlato qui.

Quella Tobin-tax, ribattezzata TTF, è già in vigore dal 1 marzo scorso ed è regolarmente in essere.

Quella sui derivati, invece, doveva “decollare” da oggi.

Mentre sulle azioni, la tassa è in percentuale (0,12%),  (per il 2013), sui derivati invece si pagherà una tariffa fissa che varierà in funzione dello strumento e  del  valore nozionale  del contratto scambiato; inoltre deve essere corrisposta sia dall’acquirente che dal venditore e non è esentata l’operatività intraday.

Per i derivati scambiati sul mercato non regolamentato (Otc) l’onere sarà più gravoso, (alcuni intermediari parlano di circa 5 volte piu’ cara), rispetto a quella prevista per gli strumenti scambiati sui mercati regolamentati.

La tassa NON colpirà il mercato FOREX.

La tassa NON colpirà i CFD con sottostanti NON italiani (indici e azioni).

In questa tabella, gli importi in euro, che si pagheranno per trading in derivati per fascie di valore nozionale di contratto e per tipo di contratto.

[ws_table id=”2″]

Vedremo in futuro di seguire gli aggiornamenti e di tenervi informati.

Per chi vuole fare dei calcoli sull’impatto della sua operatività, segnalo questo interessante sito: www.tobin-tax.it

Ricerca: |Cos’è la Tobin Tax | Calcolo Tobin-tax |

Federico ti scrivo: Un consiglio sulle opzioni binarie

Buon giorno, seguo da poco il suo sito e ci sono tantissimi argomenti interessanti e che servono nella vita quotidiana, almeno per me, e volevo chiederle se ovviamente ha tempo di rispondere alla mia mail un consiglio su trading di opzioni binarie; conosco teoricamente come funziona sia la borsa che le opzioni binarie, per quest’ultima non conosco da dove posso iniziare, ho sentito tanto parlare di optionbit e anyoption, volevo un suo consiglio per questi siti o se lei conosce un altri metodi. Cordialmente (Email firmata)

Buongiorno XXXXXXXXX!
Grazie mille per la richiesta e per le belle parole sul blog.
Questo mi fa molto piacere perche’ spero sempre di scrivere qualcosa di utile.
Veniamo alla richiesta.
Faccio una piccola premessa.
Mi occupo da 17 anni di investimenti e risparmio e seguo quotidianamente i miei clienti cercando di venire incontro alle loro richieste.
Garantisco che ogni persona ha un suo modus operandi e soprattutto un modus pensandi variegato.
Mi spiego meglio: per alcuni, investire significa pensare al futuro dopo la pensione, per altri significa massimizzare il capitale senza un preciso orizzonte temporale. (il massimo prima possibile).
Tutto questo, a volte, senza tener inizialmente conto del rapporto rischio rendimento.
E’ che centra sta premessa????
Le opzioni binarie.
Non le considero un investimento. Le considero una scommessa.
Scommessa = gioco.
Il gioco non si confà tanto con i soldi.
Le società che creano questi sistemi, sono la maggior parte offshore e non hanno, di solito,
(nel blog c’e’ una lista di società non autorizzate Consob) autorizzazione in Italia.
Mi ricordo che una volta, le società di scommesse (quelle sul calcio, sui cavalli, ecc.ecc.) avevano anche delle scommesse non sportive che permettevano di puntare su futuri valori di indici azionari.
Oggi non se ne trovano piu’ o quasi.
Perche’ sono state sostituite da quelle che creano le opzioni binarie ed affini.
Chi mette in piedi queste piattaforme (sono 1 o due le società che le creano e poi le danno in White Label: vendono la licenza cambiando il marchio), ha l’unico scopo di guadagnare soldi. Permettono l’inizio del gioco con un minimo di 100 o 200 unità di valuta (euro, dollari), a seconda di dove si trovano.
Ma sanno benissimo che nel lungo termine guadagneranno soldi dalla maggior parte dei giocatori.
Alto basso, in out, e altre forme tecniche, non sono altro che scommesse coperte da opzioni (quelle vere) messe in piedi da loro sul mercato.
Solo che loro fanno il prezzo del sottostante. Loro conoscono il prezzo in tempo reale.
Loro pero’ comprano e vendono al prezzo che vogliono loro, con lo spread che vogliono loro (compreso nell’opzione), senza sorte di trasparenza di mercato.
Queste migliaia di pubblicità che vengono inserite su tutti i blog e siti internet esistenti, mi hanno fatto alzare le orecchie e sono andato ad indagare…..
Queste società hanno programmi di affiliazione che permettono ai “pubblisher” di guadagnare da 100 ai 400 euro per ogni persona che si iscrive cliccando sul banner.
Alcune poi restituiscono anche degli importi anche in caso di perdita.
Allora mi sorge la domanda, ma se sono cosi’ “larghi” di manica tra provvigioni a chi pubblicizza e regali a chi perde…. quanti soldi intascano dai giocatori???
Ovvero quante probabilità un giocatore ha di vincere?
Non intendo di portare a casa la vincita. Ma di rimanere con il suo denaro?
Credo, a conti fatti, molto poche.
Ho inoltre testimonianze, da molte email ricevute, di soldi persi anche in grosse quantità.
Le società poi “infarinano il tutto” con corsi per imparare a tradare….da scaricare gratuitamente.
E appena ti iscrivi, ti rispondono subito con un Account manager che è a tua disposizione 24 su 24 ore per aiutarti nella fase di Deposito e di puntata….
Mi fermo qua perché non vorrei annoiare con la mia mail.
Credo solo ci sia un problema di fondo.
La Consob è chiara.
Se tu società, offri un servizio di investimento (come viene indicato) allora devi avere l’autorizzazione nel paese nel quale lo offri anche se solo virtualmente
.
Le due società  Una delle due società indicate nella richiesta non sono autorizzate e rientrano  è autorizzata e rientra proprio nella lista “nera”.
(https://federicoferro.it/consob-aggiornamento-lista-societa-autorizzate-italia/)
A mio avviso, per concludere, ci sono altri strumenti (molto rischiosi) che possono, sostituire le opzioni binarie, ma che rientrano negli strumenti finanziari autorizzati. (vedi ETF a leva, opzioni, futures,)
Anche questi strumenti richiedono consapevolezza del rischio di poter perdere tutto o in alcuni casi piu’ del capitale investito.
Spero di essere stato di aiuto.
Rif: RVKJ87Q428T5

Opzioni Binarie autorizzate Consob. Aggiornamento broker autorizzati e non autorizzati in Italia

se proprio volete cimentarvi in questo tipo di “investimento” almeno fatelo con cautela (che significa investendo una somma che siete sicuri di poter perdere senza problemi) ma soprattutto fate trading online con le opzioni binarie utilizzando solo società che siano autorizzate ad operare in Italia con autorizzazione della Consob.
Se proprio volete fare trading con le opzioni binarie, fatelo con i Broker di opzioni binarie (Binary Options) autorizzati dalla Consob per i servizi in Italia, come questi (in ordine di autorizzazione):

Continue reading

Cosa sono le opzioni binarie?

Cosa sono le opzioni binarie?

Le opzioni binarie, conosciute anche come opzioni digitali,  “opzioni tutto o niente” o “opzioni fisse”, sono un tipo di investimento – dal ritorno predeterminato – che permetteno di trarre profitto da una corretta previsione di come il prezzo di una certa attività (valute Forex, Indici di borsa, Azioni o Commodity) si muoverà durante un determinato arco di tempo.

Molto brevemente, una volta che tale periodo si è concluso, l’opzione ha raggiunto la sua scadenza e l’investimento può rivelarsi o “in the money” (la predizione fatta si è rivelata corretta, quindi si fanno dei profitti) o “out of the money” (la predizione non si è rivelata corretta e quindi si perdono i soldi investiti).

 Attenzione!!! Controllate che la società sia autorizzata dalla Consob.

Importante sottolineare che il servizio è da intendersi un servizio finanziario, come indicato nel suo bollettino dalla Consob: (http://www.consob.it/main/documenti/bollettino2012/c12055030.htm)

Comunicazione n. DTC/DIS/DIN/12055030 del 2-7-2012
Oggetto: Comunicazione in materia di opzioni binarie

Si sono diffuse nel mercato operazioni (“opzioni binarie” o “opzioni digitali”) che presentano una struttura simile a quella di una scommessa in quanto assicurano il pagamento di un importo predeterminato se l’evento (raggiungimento di un determinato livello di prezzo del titolo, indice o altro sottostante) si verifica, prima o entro una determinata scadenza temporale; nel caso in cui l’evento non si verifichi, l'”acquirente” l’opzione subisce la perdita di tutta la somma investita.

Al riguardo, in data 28 marzo 2012 i Servizi della Commissione Europea, in risposta a specifico quesito circa la natura delle opzioni binarie, hanno chiarito che le stesse (1), “quali contratti derivati regolati in contanti, appaiono riconducibili alla definizione di strumenti finanziari. Di conseguenza, le società che offrono servizi e attività di investimento in opzioni binarie dovrebbero essere autorizzate come imprese di investimento [ovvero banche] ai sensi della MiFID“.

Come indicato dai Servizi della Commissione Europea, le opzioni binarie, contratti derivati regolati in contanti, rientrano nel novero degli strumenti finanziari di cui all’Allegato 1, sez. C della direttiva 2004/39/Ce (“MiFID”): di conseguenza, tutti i soggetti che intendono prestare servizi di investimento aventi ad oggetto opzioni binarie verso il pubblico (italiano) devono essere dotati della necessaria autorizzazione rilasciata dalle competenti Autorità.

Il PRESIDENTE
Giuseppe Vegas

___________________
[1]Cfr. “Questions on Single Market Legislation”, nr. “ID 955. Definitions” reperibile alla pagina internet http://ec.europa.eu/yqol/index.cfm?fuseaction=question.show&questionId=955.

Attenzione quindi  a chi offre il servizio. Deve essere autorizzato ad operare in Italia. Altrimenti potete trovarvi in serie difficoltà nel recuperare i soldi nel vostro conto.

Alcune società infatti, non sono state autorizzate, come compare dal bollettino Consob.

E stando a quanto indicato, i seguenti siti non possono operare in Italia: www.optionsfair.com, www.24option,.com,   (autorizzata dal 8 dicembre 2013) www.ikkotrader.com, www.optionbit.com, www.marketpunter.com

Una utile risorsa è la pagina riservata alle comunicazioni a tutela della dei Risparmiatori, pubblicata dalla Consob e aggiornata con provvedimenti diretti della Consob e di altri organismi di vigilanza stranieri.

Sapete come la penso relativamente alle opzioni binarie. L’ho detto più volte. Sembra un gioco, la sensazione è quella di una scommessa, ma alla fine si investono dei soldi. Quindi, se proprio volete cimentarvi in questo tipo di “investimento” almeno fatelo con cautela (leggi investendo una somma che siete sicuri di poter perdere senza problemi) ma soprattutto utilizzando società che siano autorizzate ad operare in Italia con autorizzazione della Consob.

Ma quali sono le società autorizzate in Italia (dalla Consob) per le opzioni binarie?
In questo articolo monitoriamo i broker di opzioni binarie attualmente autorizzati in Italia.